Per alcuni potrà sembrare una domanda di poco valore o senza senso, ma prima di ogni vacanza è necessario capire (sempre se si ha la possibilità di scegliere) e valutare con chi trascorrere le giornate che comporranno la nostra avventura.

Il Giappone non pone limiti e permette a chiunque di divertirsi nel modo che più si adatta alle sue aspettative ed al suo modo di essere. E’ possibile fare una vacanza in coppia, con la famiglia, con un gruppo di amici o semplicemente da soli.

Tenete presente, però, un paio di cose importanti (che comunque, a mio avviso, valgono per quasi tutte le vacanze) che ho provato direttamente durante le varie volte che sono stato in Giappone.

 

1Si cammina tantissimo

Ore e ore di passeggiate in giro per città e sentieri. Dalla mattina alla sera, tra strade, metropolitane, stazioni ferroviarie, sottopassaggi, centri commerciali, negozi, parchi, giardini, templi e santuari i chilometri percorsi ogni giorno saranno veramente tanti.

Pensate, ad esempio, che in alcune stazioni della metropolitana sono presenti gli scali tra le varie linee. Bene, nella stessa stazione dovrete camminare anche 1,5 km per arrivare da una linea all’altra.

Altro esempio sono i centri commerciali, che spesso hanno decine di piani con un’estensione di tutto rispetto. O ancora i parchi ed i giardini dove, se non volete perdervi nessun particolare, avrete da girare e rigirare per centinaio di metri e metri.

Certo, non è obbligatorio camminare così tanto, ma se questo è per voi il vostro primo e forse unico viaggio in Giappone, credo che dobbiate vedere quante più cose possibili e godervi appieno tutto quello che questa nazione vi offre.

Quindi se con voi ci sono persone che si stancano subito o a cui piace solamente stare comodi, direi che forse dovete organizzarvi in modo diverso.

 

2In estate la temperatura e l’afa sono altissime

Nella mia fortuna / sfortuna sono stato per due volte in Giappone tra Agosto e Settembre. Nella maggior parte dei luoghi che ho visitato, in questo periodo, le temperature erano veramente alte, sempre sopra i 32-34 gradi. Ma la cosa più insopportabile era l’afa. Dopo neanche 10 minuti da quando si lasciava l’hotel o la casa, si era già totalmente inzuppati di sudore (ed io reggo molto bene le alte temperature).

Per cui se soffrite il caldo e l’afa, credo sia meglio scegliere un periodo diverso per il vostro viaggio. Magari la primavera o il pieno autunno.

 

3Le stanze e gli appartamenti possono essere molto piccoli

Tutti sappiamo che i giapponesi, in maggioranza, sono minuti e non tanto alti, per cui tutto è dimensionato alla loro statura e stazza. Se evitate di prenotare hotel di lusso o camere sovradimensionate e cercate di risparmiare abbastanza prenotando appartamenti su AirBnB o hotel a basso-medio costo, fate attenzione alle dimensioni delle stanze.

Mi è capitato più volte di ritrovarmi in camere molto carine e ben tenute, pulite e ben arredate, ma dalle dimensioni mini (ed io sono alto 1,70 metri). Ad esempio ho prenotato un appartamento che dalle foto sembrava normale ed era stimato per 4 persone; bene, quando siamo arrivati in 3 (considerando anche lo spazio occupato dalle valigie), non ci stavamo. Per spostarci da una stanza all’altra dovevamo camminare sui letti… stessa cosa mi è accaduta in vari hotel; una volta in stanza con le valigie non ci si muoveva più (e le valigie vanno anche aperte).

Ma forse, la cosa più fastidiosa non è stato il poco spazio nelle stanze (tanto alla fine in casa ci si dormiva e basta) ma la dimensione dei bagni e soprattutto della vasca. Allagamenti totali della stanza, gomitate a destra e sinistra, divertimento puro 🙂

Ora io non mi faccio nessun tipo di problema (devo provare anche le capsule hotel, che purtroppo ancora non sono riuscito a testare), ma se per voi o per chi vi accompagna la comodità è tutto, allora il risparmio non va di pari passo con il confort.