Guida

A sud i Osaka è presente il santuario shinto più famoso della città e tra i più antichi del Giappone, il Sumiyoshi Taisha. La sua origine risale a più di 1800 anni fa, ancora prima dell’introduzione del buddismo nel paese e presenta alcuni tratti architettonici unici nel suo genere, ancora privi dell’influenza cinese e indiana.

Questa particole architettura prende il nome di Sumiyoshi-zukuri (come potete notare il santuario ha dato il nome anche allo stile di costruzione degli edifici) ed è uno dei tre stili nati direttamente in Giappone e che non hanno subito l’influsso da altre culture asiatiche. Gli altri due stili sono il Shinmei-zukuri ed il Taisha-zukuri.

Il sumiyoshi-zukuri è caratterizzato da tetti in paglia che scendono dritti invece di curvare verso l’alto (come tutti quelli costruiti negli anni successivi) ed hanno una decorazione formata da due pali incrociati ed una serie di cinque tronchi abbastanza corti posizionati sulla cresta del tetto. Ogni tempio ha una recinzione in legno che lo circonda.
In tutto il Giappone sono presenti più di 2.000 santuari Sumiyoshi ma questo è il più famoso oltre che il più importante di tutta la nazione. I santuari Sumiyoshi sono solitamente posizionati vicino al mare e vicino ai porti perché custodiscono i kami (le divinità shintoiste) che proteggono i marinai, i pescatori ed i viaggiatori.

L’area del santuario è formata da vari edifici: i 4 principali sono quelli consacrati ai kami Sokotsutsu no Onomikoto (il Kami dei fondali marini), Nakatsutsu no Onomikoto (il kami dell’interno del mare), Uwatsutsu no Onomikoto (il kami della superficie marina) e Okinagatarashihime no Mikoto (il kami dell’impretatrice consorte Jingu); sono poi presenti quello del kami della guerra Hachiman, della poesia Waka, delle creature marine Watatsumi e di altre divinità minori.

Subito dopo l’ingresso principale è possibile ammirare il famoso ed emblematico ponte ad arco chiamato Sorihashi Bridge (o Taikobashi); questo affaccia su uno stagno, è stato costruito circa 400 anni fa e la sua forma ad arco è stata voluta per richiamare alla mente un arcobaleno che collega la terra con il cielo. Inoltre, attraversalo serve a purificare lo spirito ed a liberare il corpo dai demoni. Fino alle 21:00 viene illuminato con luci soffuse, creando un’atmosfera meravigliosa, assolutamente da vedere.

Se invece volete sapere se la vostra preghiera avrà esito positivo o meno, non potete fare a meno di provare la pietra Omokaru (posizionata in fondo sulla destra rispetto al ponte Taikobashi). La leggenda dice che, dopo averla presa e tenuta in mano mentre pronunciate la vostra preghiera, riposandola e riprendendola in mano la pietra cambierà di peso se il vostro desiderio si è avverato.

Durante i festeggiamenti del capodanno, questo santuario è tra i più affollati del Giappone, con i suoi 2 milioni circa di visitatori. Inoltre, tra il 31 luglio ed il 1 agosto, si tiene il Sumiyoshi Matsuri, il rituale shinto più importante dell’anno, che celebra la purificazione di Osaka. Il 14 Giugno, invece, si tiene l’Ondaue, ovvero il rituale della piantagione del riso seguito dalle spettacolari danze Sumiyoshi, designate come patrimonio culturale popolare intangibile.

 

Storia

Il Sumiyoshi Taisha fu fondato nel 211 d.C. e, secondo la storia giunta fino a noi, si dice che fu l’Imperatrice Jingu (al ritorno dopo aver guidato la guerra d’invasione della Corea) a gettare le fondamenta del santuario dedicato ai tre dei del mare e della navigazione shintoisti, la triade Sumiyoshi Sanjin. Considerate che quasi 2000 anni fa, al contrario di oggi, il mare arrivava fino alle sponde del santuario. In seguito fu divinizzato anche lo spirito dell’Imperatrice stessa ed iniziarono ad essere venerati anche quelli della poesia e della guerra (l’imperatore Ōjin, figlio dell’imperatrice Jingu).

 

Mappa, come arrivarci

Indirizzo : 558-0045 2-9-89 Sumiyoshi, Sumiyoshi-ku, OsakaCity

Il Santuario Sumiyoshi Taisha è a pochi metri dalla stazione Sumiyoshi Taisha della linea Nankai. Partendo dalla stazione di Namba bastano solamente 10 minuti per raggiungerlo prendendo uno dei treni “non veloci”; questi ultimi, infatti, non fermano alla stazione su indicata. Volendo, è possibile utilizzare anche la linea Nankai Koya (quella che porta al Monte Koya) scendendo alla stazione Sumiyoshi Higashi e camminando a piedi verso ovest per circa 10 minuti.

 

Accesso, orari e costi

Giorni di chiusura
Il santuario è sempre aperto.

Orari
L’orario di apertura è dalle ore 6:00 alle ore 17:00 (da Ottobre a Marzo l’apertura viene posticipata alle 06:30).

Costi
L’accesso al santuario è completamente gratuito.

Sito in inglese
Sito ufficiale del Santuario Sumiyoshi Taisha

Ti piace quest'articolo?
Metti mi piace alla nostra pagina Faebook per rimanere sempre aggiornato